OPZIONI BINARIE VIETATE E LIMITAZIONE SUI CFD

E’ stato ufficialmente reso noto dall’ESMA il divieto di fornitura di Opzioni Binarie agli utenti finali.
Quindi dal 2 luglio 2018 tutti gli investitori (retail o piccoli investitori non professionisti), non potranno più operare sul mondo delle opzioni Binarie all’interno dell’Unione Europea, mentre questa restrizione non verrà applicata ai Trader professionali.

L’ESMA ha reso note le date di inizio della validità delle nuove misure applicate sulla fornitura di opzioni e CFD nell’UE:
2 luglio (2018) — divieto di fornitura di opzioni binarie e digitali agli investitori al dettaglio
1 agosto (2018) — limitazioni sui CFD per i clienti al dettaglio nella forma di:
Limiti alla leva all’apertura delle posizioni (30:1 per le coppie di valute principali, 20:1 per coppie di valute secondarie, oro e indici maggiori; 10:1 per le materie prime diverse dall’oro e gli indici secondari; 5:1 per i capitali individuali e altri valori di riferimento; 2:1 per le criptovalute)
Una regola per la chiusura del margine in base al singolo account
Protezione dal saldo negativo in base al singolo account
Prevenzione all’uso di incentivi provenienti da un fornitore di CFD
Una nuova informativa sui rischi, specifica e standardizzata

In conformità con il quadro legislativo della MiFIR, tali normative possono essere introdotte su base trimestrale, con una revisione per una possibile estensione oltre il periodo attualmente previsto.
Le opzioni binarie e i CFD sono stati riconosciuti dall’autorità come prodotto ad alto rischio e ne ha vietato il trading ai piccoli investitori (retail).
Puoi guardare il comunicato ufficiale cliccando qui